Stati Regressivi Promotions
in collaborazione con

DOUJA D'OR 2006 - DIPLOMA E MEDAGLIA D'ORO

presenta:

I MITICI CHATEAUVADAVIALCUL !!!


il regalo goliardico più inestimabile,
in puro stile SR...

confezioni da 6 oppure 2 bottiglie,
è inclusa la stampa in contro-etichetta,
in nero su carta avorio,
di dediche o auguri particolari
 

Allegate eventuali file grafici in b/n.
postmaster@statiregressivi.com

Fatturabile per regali aziendali.

 

!!! ATTENZIONE !!!
LE ORDINAZIONI SONO ATTUALMENTE SOSPESE

 

Effettua la registrazione a PayPal e inizia ad accettare pagamenti tramite carta di credito immediatamente.
DOLCETTO D'ASTI D.O.C. D'ASTI D.O.C.E' stato il primo vino ad essere prodotto dall'Azienda, parecchi anni fa essendo un vino rosso tradizionale Piemontese.

Il nome Dolcetto, prende origine dalle popolazioni romane che scoprirono questo pregiato frutto a bacca nera dal sapore molto dolce e più piacevole delle altre uve nere.

Nel corso degli anni alcune tecniche di vinificazione sono cambiate grazie all'impiego di una tecnologia più avanzata, ma comunque mantenendo diverse lavorazioni ed accorgimenti praticati sin da inizio secolo.

Fra queste assume una particolare importanza la "spuntatura" dei grappoli, un lavoro certosino che prevede l'asporto degli ultimi centimetri degli stessi, eliminando così gli acini che non maturano perfettamente e che provocano un aumento eccessivo dell'acidità fissa del futuro vino.

Il Dolcetto d'Asti si presenta di un colore rosso rubino vivo, profumo fruttato e sapore asciutto, vellutato, armonico e pieno.

Accompagna ottimamente carni bianche, selvaggina alata, arrosti di vitello e formaggi a pasta dura.

Si serve a temperatura ambiente.

Gradi alcolici 12% vol.


BARBERA D'ASTI BARRICATO D.O.C.Prodotto con una selezione di uve Barbera, segue una lavorazione che mira a "prepararlo" all'invecchiamento in barriques esaltando al massimo tutte le proprietà di struttura e di corposità.

L'invecchiamento in legno dura mediamente una decina di mesi ed avviene in un locale semi-interrato dove si mantiene una temperatura costante tutto l'anno (16/18°C).

In questo periodo il Barbera è molto delicato ed è molto importante lasciarlo "tranquillo" a riposare, senza luce e senza vibrazioni.

Sono essenziali però dei controlli giornalieri dello stato di conservazione e d'igiene delle botticelle ed ovviamente del loro contenuto che viene ripetutamente degustato e ogni quindici giorni analizzato chimicamente.

Durante questa fase il vino matura e diventa più armonico, più "rotondo", si attenuano i caratteri tipici dei vini giovani e se ne sviluppano altri più complessi.

Segue poi un ulteriore affinamento in bottiglia per almeno un paio di mesi dove il vino si riprende dallo "shock" dell'imbottigliamento e si formano i cosiddetti "aromi di bottiglia".

Il prodotto ottenuto è un vino molto corposo dotato di una morbida e piacevole tannicità che conferisce una struttura veramente unica; i profumi sono intensi, persistenti ed ancora lievemente fruttati.

Vino aristocratico, da consumarsi con piatti di carni rosse, brasati, selvaggina, carni alla brace e formaggi molto stagionati o piccanti.

Si serve a temperatura ambiente dopo un'ora dall'apertura della bottiglia.

Gradi alcolici 13.5% vol.

MOSCATO D'ASTI D.O.C.G. Vitigno dalle origini antichissime, già citato dai Romani per le sue particolari ed inconfondibili caratteristiche aromatiche.

Solo i vigneti posti ad un’altezza di 400 - 500 metri s.l.m. radicati su terreni sabbiosi e parecchio scoscesi sono atti a produrre il Moscato d'Asti Laiolo.

Dalla parziale fermentazione spontanea (solo cinque gradi alcolici) del mosto si ottiene un vino dolce molto intenso dotato di una carica aromatica molto elevata, vero punto forte del Moscato.

Per preservare il più possibile questa caratteristica, la vinificazione, nel corso degli anni è mutata notevolmente, mirando a ridurre le filtrazioni e tutte le pratiche che, anche se corrette riducono le sensazioni organolettiche molto gradite di questo vino.

I veri intenditori del Moscato d'Asti riscoprono in bottiglia un sapore molto singolare e pregiato definito come "il sapore dell'acino punto dalla vespa", quella vespa che in tempo di vendemmia adora assaporare gli acini più dolci e maturi dotati di una fragranza unica che si mantiene fino alla bottiglia.

Vino da dessert per eccellenza dalle svariate possibilità di abbinamenti, ottimo come "dissetante" servito alla temperatura di 8-10 °C.

Gradi alcolici 5% vol.
PIEMONTE CHARDONNAY D.O.C. Viene definito come il vitigno bianco "nobile" per eccellenza per i suoi noti pregi, grazie soprattutto al suo abbinamento con un ottimo terreno per la viticoltura, un medio impasto tendente al sabbioso, marnoso, tufaceo di natura vulcanica, presente in due uniche zone al mondo: le Langhe ed il Monferrato.

Vinificato seguendo le nuove tecnologie, come pressature molto soffici e fermentazioni spontanee controllate, consente di mantenere le caratteristiche di tipicità.

Il Piemonte Chardonnay Laiolo è un vino bianco dal colore giallo paglierino con riflessi che vanno dal grano all'ambra, è fresco sia al profumo che in bocca dal corpo piacevolmente equilibrato e persistente, nel complesso molto fine.

Si accompagna a carni bianche o a pesce anche se la tendenza attuale sembra preferirlo come vino "tuttopasto".

Si serve ad una temperatura di 8 - 10 °C; se servito ad una temperatura leggermente minore è un ottimo aperitivo e come base cocktail.

Gradi alcolici 11.5 % vol.
  2008 StatiRegressivi.com